Web: Giocare online imparando inglese con Curious George

Web: Giocare online imparando inglese con Curious George

Io non sono cresciuta con i videogiochi (grazie/a causa della mia età sono un ‘immigrante’ nel mondo della tecnologia e non un ‘nativo’), però me ne rendo conto che i miei figli guardano tutti i gadget della tecnologia come un modo naturale di esperimentare, conoscere ed anche dimenticare il mondo. Cerco di guardare allora tutti gli schermi della nostra casa come nemici, ma li vedo come complice nel apprendimento. Questo è ancora più facile se si imparano le lingue. Oggi vi vorrei far conoscere un sito di milioni che offrono giochi semplici e divertenti anche per bambini piccoli.

Conoscete Curious George? Ci ha insegnato tante cose belle sul mondo dalla perspective di un bambino ed è stato per lungo uno dei preferiti del mio figlio alla televisione. Ho scoperto già allora il suo sito officiale.

Ma solo alcune settimane fa abbiamo pensato di ‘ammazzare’ una mezz’oretta con qualche gioco sul iPad prima della cena. Ed ecco il gioco preferito nostro: Build-A-Bot. Il gioco è semplicissimo e non è nemmeno super-tecnologico. Però ho scoperto che insegna la lingua inglese con un vocabolario e grammatica semplice. Chiede al bambino di trovare i pezzetti di un robot che lo rendono capaci di fare qualcosa, ad esempio volare o lavare i denti. Così i bambini devono trovare la testa, le braccia o le gambe del robot. Dopo quattro esercizi, possono poi costruire un robot (anche più di uno in fila) e alla fine anche fare una foto del loro robot. Il robot costruito da loro va descritto: ‘This robot can fly and brush its teeth and…’

Il gioco è come detto sia linguisticamente, sia in grafica semplicissimo, ergo adatto a bambini piccoli (2-3 anni). Dopo mezz’ora i miei figli hanno capito espressioni come ‘see in the dark’, ‘pond a nail’, ‘sci’, cose che noi non abbiamo usato tanto nel loro percorso linguistico nel nido. Come primo video gioco una scelta sicura.

Sul sito troverete anche altri giochi, alcuni funzionano solo con Flash Player e non tutti sono benfatti. Parliamo di un sito un po’ vecchio. Però anche qua, George garantisce che il mondo va introdotto ai bambini come un posto dove si può sbagliare imparando e imparare è sempre un divertimento.

 


Leave a Reply