TED: Cominciamo ad imparare dai bambini

TED: Cominciamo ad imparare dai bambini

Tags :

Category : maternità , pensieri , siti web

Nelle ultime settimane, ormai nel caldo vero dell’estate siciliana, sono diventata un gran fan di TED. Da insegnante di inglese sapevo che per i livelli più alti potevo sempre trovare qualcosa di davvero interessante da presentare come allenamento ascolto e conversazione. Ma da mamma i miei interessi si sono ampliati per tante cose che prima non mi attiravano: dalla dieta al chance per un futuro migliore, dai gadget tecnologiche al fenomeno dei rifugiati, dagli studi su longevità e felicità ai possibili modi di riciclare rifiuti, tutto quello che mi può rassicurare che i miei figli avranno, potranno avere una vita ancora migliora della nostra. Cosa possa essere un momento migliore di ricevere tutte queste nuove conoscenze se non le ore (luuuunghe) di stirare: ho preso di abitudine di mettere il computer sul tavolo davanti al tavolo da stiro, cuffie bluetooth nelle orecchie e via vai con lavoro da casalinga da studentessa di tutto.

In uno di questi momenti in ricerca di nuove conoscenze, ho beccato un titolo che subito mi ha attirato: What adults can learn from kids (Cosa possono imparare gli adulti dai bambini). La ragazzina che fa il discorso si chiama Adora Svitak, ha 12 anni quando si mette di fronte del pubblico di TED. Comincia con un punto molto interessante: perché gli adulti considerano essere ‘childish’ una cosa brutta. Perché dovrebbe essere la fase della infanzia quella ‘sbagliata’. Ci invita di guardare cosa hanno invece combinato gli adulti, che dovrebbero essere quelli buoni, grandi e responsabili. Una domanda che a me interessa soprattutto da quando guardo i miei figli imparando sempre di più.

Adora ci ricorda che anche noi siamo stati bambini ‘irrazionali’ che hanno avuto desideri che oggi da adulti vanno etichettato come impossibili. Spesso perché la nostra conoscenza della storia che ci racconta di tanti fallimenti ci toglie la speranza di realizzarli. Ma per rendere qualunque cosa reale, dice Adora, dobbiamo prima sognarlo. E i bambini credono in un mondo perfetto.

Pensieri spesso coraggiosi dei bambini possono anche ispirare adulti: Adora parla di un progetto con artisti, ma anch’io ho scritto alcune storie belle per bambini proprio con i bambini, partendo dalle loro idee e domande.

La piccola ‘avvocatessa’ dei bambini non si ferma qua, ma rimprovera la tendenza generale dei adulti di sottovalutare delle capacità dei bambini. E questo il punto che io trovo il più importante del intero discorso. Lei ci racconta dei suoi genitori e dice: non ci hanno detto che saremo diventati medici o avvocati, ma ci hanno letto dei personaggi importanti della storia (scienziati, filosofi). E quando poi lei ha cominciato a scrivere storie sul suo laptop (ecco un punto che la tecnologia non rende i bambini per forza ‘stupidi’), i suoi genitori hanno sostenuto il suo progetto di pubblicare queste. E ce l’hanno fatta. Non hanno detto: Sei troppo piccolo o Aspetta finché diventi più grande.

Sapete che io ho sentito queste frasi e ho buttato via delle mie poema che avevo scritto da bambina. La mia mamma è stata stupenda, ma lei ha creduto di crescere figli razionali, non farli farsi male credendo in sogni troppo grandi, perché per una mamma vedere un figlio deluso è un gran dolore. Loro sono cresciuti in condizioni molto modesti e che hanno poi fatto una vita con una casa in proprietà e una macchina, già era un successo notevole. Per noi volevano lavori ben pagati, case più grandi (ma vicino a loro) e figli sani. Tutto che andava oltre di questo era ‘troppo grande’ per noi. Io non ero mai d’accordo con questa opinione e sono andata via presto da casa. Poi a dire il vero, non ho pubblicato nessun libro e anche se lo facessi oggi, già non sarebbe una cosa così grande, ma non importa. Importa, che so la mia mamma adesso parlerebbe diversamente con i miei figli. Ci crederebbe che loro possano andare sulla luna diventando astronauti o che possano inventare il farmaco che guarisce il cancro. Questo avrebbe salvato anche lei.

Impariamo dai nostri figli e impariamo dai nostri genitori, nel bene e nel male.

Vi invito di guardare il discorso della ‘piccola’ Adora su TED in inglese (americano) oppure con i sottotitoli italiani.


Leave a Reply